Care mamme, come ben sapete stiamo entrando nella fase più operativa  del prossimo baratto e come ogni volta tutte noi ci sentiamo molto coinvolte anche emotivamente.

Spesso, come è giusto che sia, capita che qualche mamma ci chieda chiarimenti sul sistema di crediti che volta per volta abbiamo perfezionato e a volte capita che ci soffermiamo su quanto esso sia efficace.

È importante sottolineare un aspetto fondamentale.

Quando due anni fa abbiamo deciso di far partire questa iniziativa l’abbiamo fatto con una precisa missione: diffondere la cultura del riuso e del riciclo di oggetti dei nostri figli tenuti in casa inutilizzati ma ancora in buono se non ottimo stato.

Detto questo il sistema dei cremini é stato progettato e perfezionato per rendere le modalità dello scambio il più giuste ed eque possibili nel presupposto di garantire il maggior numero di movimenti nel modo più veloce.

Il mercatino del baratto in altre parole non è pensato per guadagnarci e nello spirito dell’iniziativa può capitare che il numero degli oggetti donati sia maggiore di quelli portati a casa.

Il mercatino del baratto vuole dare la possibilità di dare nuova vita ad oggetti che o avremmo tenuto in uno scatolone, o regalato a chi ne ha bisogno, o addirittura buttato per disfarcene (nonostante le ottime condizioni), introducendo  l’opportunità di prendere qualcosa che ci serve in cambio.

Partecipare al baratto significa voler vedere rivivere i propri begli oggetti, non portare a casa il maggior numero di cose possibili. Io stessa quando incontro bambini che indossano le cose dei miei figli provo una grande soddisfazione o quando riceviamo ringraziamenti e commozione indirizzati a tutte noi Cream Moms da parte di Abio, Etiopia e Oltre, Asd Over limits, la comunità Papa Giovanni e la Casa di Ale, per i fondi raccolti e i vostri articoli donati, penso che quello che stiamo facendo sia veramente bello.

LO SPIRITO DEL BARATTO
Tag: